Declino dell'export di mobili tedeschi

luglio 10, 2024
Sorgente:
Christian Morasso
Visite:
26
  • text size

Nel primo trimestre del 2024 l’attività di esportazione dell’industria tedesca del mobile è diminuita. Secondo la statistica preliminare del commercio estero dell’Ufficio federale di statistica, le esportazioni di mobili sono diminuite di quasi il 9% attestandosi a circa 2 miliardi di euro. "Nei mercati più importanti i nostri produttori hanno risentito della debolezza dei consumi e della stagnazione dell'attività edilizia abitativa", riferisce Jan Kurth, amministratore delegato delle associazioni dell'industria tedesca del mobile. I produttori di mobili tedeschi realizzano circa un terzo del loro fatturato all'estero.

In quasi tutti i principali mercati di vendita europei si sono registrate perdite notevoli. Nel principale mercato di vendita, la Francia, i produttori tedeschi hanno venduto circa l'11% in meno rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso. In forte calo anche le esportazioni verso Svizzera (-14%), Austria (-20%), Paesi Bassi (-11%), Regno Unito (-3,5%) e Belgio (-13,5%). In crescita si registrano le consegne di mobili verso l'Italia, che si colloca al settimo posto, con un incremento di quasi il 9%.

Uno sguardo alle due regioni di vendita più importanti al di fuori dell’Europa rivela un quadro contrastante. Mentre le esportazioni di mobili verso gli Stati Uniti sono diminuite del 4%, quelle verso la Cina sono aumentate di circa l’8%.

Sono diminuite, tra l'altro, le esportazioni di mobili per soggiorno, sala da pranzo e camera da letto (-19%), mobili da cucina (-16%), mobili imbottiti (-10%) e mobili per ufficio (-3%).

Nel frattempo, le importazioni tedesche di mobili ammontavano a circa 2,5 miliardi di euro, quasi il 2% in meno rispetto al livello dell'anno precedente. La Polonia rimane il fornitore di mobili più importante, rappresentando il 30% delle importazioni totali, anche se le importazioni sono diminuite di circa il 9% nel primo trimestre. Al contrario, la Cina è riuscita ad espandere la propria posizione come secondo fornitore di mobili, anche grazie alla riduzione delle tariffe di trasporto. L'aumento delle importazioni di mobili dalla produzione cinese di circa il 20% nel primo trimestre è dovuto principalmente ai gruppi di prodotti in metallo e mobili per sedie.